5 consigli per cuocere perfettamente la pizza

Quando si prepara la pizza, il momento della cottura è una delle fasi più importanti per raggiungere un risultato perfetto. Ecco una serie di consigli, per riuscire a servire una pizza con i fiocchi.

Piatto prelibato che è conosciuto in ogni angolo del globo, la pizza ha una ricetta molto semplice ma che allo stesso tempo può portare in difficoltà anche il pizzaiolo più esperto. Oltre a preparare un impasto di qualità, anche la cottura gioca un ruolo importante nel risultato finale.

Per chi ha un forno per pizza professionale nella propria cucina, ecco una serie di consigli su come ottenere un risultato professionale anche se non si è molto esperti.

Verificare sempre la temperatura del forno

I forni a legna delle pizzerie hanno una temperatura costante che si aggira sui 400° C. Per chi vuole offrire una pizza con la stessa fragranza, è importante rispettare questa temperatura e i tempi di cottura. Infatti, una così alta temperatura all’interno della camera di cottura coincide con tempi di permanenza delle pizze molto breve.

Quando si utilizza la mozzarella di bufala, e il proprio forno non è in grado di raggiungere la temperatura di 400° C, è bene aggiungerla negli ultimi minuti di cottura. Se si aggiunge sulla pizza insieme agli altri ingredienti al momento dell’infornata, al termine della cottura la pizza potrebbe risultare troppo acquosa.

La pulizia è un fattore da non sottovalutare

Anche se i forni della pizza sembrano sempre puliti, è bene non dimenticare di pulirli al termine del servizio. La cottura di molte pizze nello stesso forno durante il servizio, può andare a creare una specie di residuo simile alla cenere sul fondo. Questo residuo, che non è altro che la farina presente sulle pizze che si è bruciata, se lasciata può portare il fondo delle pizze a diventare di colore nero e abbastanza amaro.

Per la pulizia del fondo del forno per pizze, si può utilizzare una spazzola a secco. Nel caso sia presente anche mozzarella bruciacchiata o altri ingredienti caduti da qualche pizza, si può utilizzare un panno bagnato con acqua. È importante non utilizzare nessun detergente chimico, che potrebbe rimanere sulla superficie del forno e successivamente essere assorbito dalle pizze in cottura.

Tempi di cottura e ingredienti

Non tutti gli ingredienti presenti sulla pizza necessitano dello stesso tempo di cottura. Quando si inserisce una pizza con differenti ingredienti, è bene valutare se è il caso di aggiungere alcuni ingredienti a metà cottura o addirittura al momento del servizio.

Un esempio è il classico basilico, che per mantenere inalterato il suo profumo viene servito al momento del servizio una volta che la pizza è uscita dal forno. Se inserito con gli altri ingredienti, si potrebbe seccare o ancora peggio bruciare, rovinando in maniera irreversibile il sapore della pizza.

Essere aperti ai cambiamenti

Quando si eseguono dei cambiamenti nella ricetta, negli ingredienti o si cambia il proprio forno per le pizze, è bene essere pronti a fare dei cambiamenti. Questi tre fattori, presi singolarmente o in alcuni casi anche in toto, possono far variare i tempi di cottura e la temperatura da impostare nel forno.

La pizza è un alimento vivo, che in base a una serie di fattori come la temperatura di lievitazione, la quantità di acqua e l’umidità della farina può variare le sue caratteristiche. Per non farsi trovare impreparati, è bene stare molto attenti a questi cambiamenti e quindi agire di conseguenza per ottenere il miglior risultato possibile.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *